03 Torrazza-Andora

3 torrazza andora - Copia03 Torrazza - Andora

(GPS) 03 Torrazza-Andora
(Google Earth) 03 Torrazza-Andora

3° tappa – Torrazza – Andora  30,500km – Tempo: 8h00 – Difficoltà: media

Lasciato l’abitato di Torrazza, nei pressi della chiesa di S. Giorgio, si attraversa la provinciale, si prende Via Fontana e, per un antico percorso pedonale, si giunge al medioevale Ponte di S. Martino in Clavi, dove si può ammirare la piccola chiesa dedicata al santo restaurata grazie al F.A.I.; si prosegue risalendo per 200m su sentiero  che si immette in Strada Coppi Rossi che porta sul crinale. Si svolta a dx su asfalto e subito dopo sulla sx si scende su un sentiero acciottolato che conduce sulla provinciale; si attraversa per riprendere il sentiero che prosegue fra gli orti e si passa a guado il rio Caramagna (in caso d’avversità passare a sud sul ponte provinciale) per arrivare in Caramagna. Si attraversa il grazioso borgo, si svolta a dx per raggiungere la provinciale, si svolta ancora a dx dopo il ponte e subito dopo (*) a sx per Strada Ciosa su asfalto  e in salita. Superata Strada Ciosa al bivio si prosegue a sx , su asfalto, poi su  strada bianca che, in salita tra oliveti, raggiunto al secondo bivio svoltare a sx in piano per raggiungere il suggestivo Santuario di Montegrazie tramite un sentiero acciottolato. E’ il monumento tardo-medioevale più importante della zona, con all’interno affreschi del sec. XV, fra gli altri alcuni dedicati ai miracoli di San Giacomo di Compostela (cappella laterale di destra). Si riprende la strada in salita a fianco del ristorante e si continua lungo la strada asfaltata interpoderale; al bivio tenere la dx e proseguire su falsopiano tra oliveti godendo della magnifica vista fino al colle dei Bardellini dove si giunge nei,pressi dell’omonima azienda agricola ( ); qui si svolta a sx in discesa lungo una mulattiera acciottolata, poi cementata, che porta sulla strada asfaltata nei pressi della Fontanarosa. Al bivio si svolta a sx in discesa raggiungendo la carrozzabile per S. Agata. Svoltare a dx e subito dopo prendere a sx in discesa la Strada dei Francesi, poco dopo prendere il sentiero che porta in frazione Barcheto. Al n° 20 di Via Calvi, una piccola deviazione a dx consente di raggiungere l’oratorio di S. Giacomo. Si prosegue scendendo sull’argine del torrente Impero e si attraversa il ponte carrozzabile, (notare a sx i resti dell‘antico ponte medioevale, e in alto l’imponente santuario di S. Maria Maggiore, primitiva Pieve della valle d’Oneglia). Si svolta a dx, si passa sotto il nuovo ponte della ferrovia, si svolta a sx, poi a dx e si raggiunge la parrocchia della Sacra Famiglia (ospitalità). Si svolta a dx in Via Vecchia Piemonte, poi a sx in via A. Poliziano, si attraversa via Garessio, s’imbocca la strada pedonale Ugo Foscolo e si attraversa via XXV Aprile. Si sale in Via Piazza d’Armi, si supera il campo sportivo, si prosegue in Via Costamagna, si svolta a sx in Via Gozzano, poi si prende a dx la scalinata che sfocia in Via Casarini in ripida salita per arrivare in Via F. Roncati Carli che si attraversa per proseguire sul sentiero acciottolato, raggiungendo attraverso un scalinata la chiesetta di S. Luca. Si svolta a dx, in leggera salita fino ad arrivare al bivio con Strada Savoia tra oliveti. Si svolta a sx e si avanza fino a un cancello verde con numero civico 24, qui si svolta a dx su sentiero in discesa che taglia il tornante del cimitero; svoltare ancora a dx su asfalto per scendere in Diano Gorleri e arrivati sulla strada provinciale proseguire verso Diano Serreta. Si passa sul sagrato della chiesa di Sant’Anna, per stradine si raggiunge e si supera il cimitero; subito dopo si svolta a sx su sentiero, che permette di abbreviare evitando diversi tornanti la strada carrozzabile che si lascia poco dopo per prendere sulla sx la Strada del cimitero di Diano Calderina e raggiungere la bella chiesa di San Giacomo (ospitalità). Si prosegue in Via S. Giacomo, si svolta a sx sotto un portico poi si svolta a dx e si scende su sentiero acciottolato in mezzo ad oliveti fino al ponte romano di Diano Marina. Svoltare a dx in Via Ponte Romano, poi a sx in Via Diano Calderina. Si attraversa la rotonda, si prendono Via Diano S. Pietro e Via all’Isola, si attraversa il guado sul torrente Evigno, si svolta a sx in Via Rossini poi a dx in Via Torrente, dove si vedono i ruderi dell’antica chiesa di S. Siro anteriore al mille e sito dell’antico centro romano Lucus Bormani. Si prosegue a dx in Via Gombi San Siro, Via Gaiette, Via delle Rodine, Via Traversa; si arriva al minuscolo borgo in piazza della Rovere, dove si visita il bel Santuario della Madonna Miracolosa della Rovere. (fontana) Si prosegue tramite una scalinata in Via Burmanno, Via C. Battisti, Via Roma, si svolta a sx e si percorrono circa 100m, poi si svolta a dx in Via XX Settembre e Via dello Spuntone. Si supera il torrente Steria, si svolta a dx in Via Steria e si giunge a Cervo. Si svolta a sx in Via S. Nicola e si arriva alla chiesa di S.Nicola a fianco del cimitero; si prosegue su scalinata in discesa, si attraversa il ponte e ci si avvia in Via Salita al Castello, in Via Sandor Vegh per giungere in Piazza dei Corallini dove è situata la magnifica Parrocchiale di San Giovanni Battista, detta dei Corallini, un eccellente esempio di barocco ligure, sono inoltre da ammirare i vari palazzi nobiliari all’interno dell’arroccato borgo. Si raggiunge la parte alta del paese dove è situato il Castello medioevale dei Clavesana con annesso il Museo Etnografico e si esce dal paese tramite la porta muraria in Piazza Castello. Si svolta a dx e, raggiunto il parcheggio fuori del paese, si svolta ancora a dx prendendo Strada vicinale Monte Piano su un sentiero in discesa che reca verso il Parco del Ciapà. Qui inizia un bel percorso su strada bianca, immerso nella macchia mediterranea, che conduce sul crinale presso le antenne televisive, che si lasciano sulla dx. Il sentiero continua ancora in salita sino a una vasca d’acqua sulla sx, da questo momento il sentiero diventa più pianeggiante e porta a passo Chiappa, confine fra le province di Imperia e Savona. (Il percorso fin qui descritto, da Ponte S. Ludovico a Passo Chiappa è segnalato dalla freccia gialla bifronte e dalla mattonella con la conchiglia di Santiago). A passo Chiappa si svolta a dx in discesa ripida: segnavia rombo rosso pieno e si raggiunge su antico percorso medioevale la chiesa di San Giovanni. Siamo ad Andora. (ospitalità)

Variante Cantalupo Artallo 3,4 km più corta.
(*) si prosegue diritti per 200m circa, poi si svolta a sx presso la scuola elementare, dopo 150m circa svoltare a dx e subito dopo a sx;  dopo circa 60 metri si svolta a destra su una scalinata in cemento, si prosegue su sentiero in salita a volte acciottolato, a volte cementato; dopo 200 metri circa si prosegue a sinistra su strada cementata. Il percorso continua su Strada Colle su scalinata per giungere nel nucleo antico di Cantalupo; si prosegue in leggera discesa in Via Umberto I, giunti alla strada asfaltata si raggiunge la curva a gomito e si prende sulla sinistra la scalinata che porta in Via Ricci e si prosegue diritti in leggera salita, si passa davanti all’ampio parcheggio e all’Oratorio di San Giacomo. Si prosegue diritti su scalinata cementata per circa 50 metri, poi si prosegue su sentiero e arrivati in Via Bruno si svolta a destra in salita, dopo circa 200 metri al bivio svoltare a destra in Via Cantalupo al bivio svoltare a sx in Strada Montegrazie, fatti 200m circa svoltare a sx in discesa e dopo 100m svoltare a sx in Strada Antica Artallo; dopo 400m circa, arrivati al ponticello, si attraversa e si prosegue su scalinata cementata per arrivare nel nucleo storico di Artallo, per poi proseguire diritti in discesa in Via Steva; giunti in fondo svoltare a destra e subito dopo a sinistra in salita in Via Cason della Guardia, strada asfaltata con tratti di forte salita. Arrivati al bivio con cartello di Divieto di accesso proseguire a destra per giungere nei pressi dell’Agriturismo Colle dei Bardellini ( ), svoltare a destra e subito dopo a sinistra in discesa (attenzione! a volte il sentiero è attraversato dai fili elettrici che impediscono agli animali di entrare).

 Ospitalità:

Montegrazie: Santuario N.S. delle Grazie (R) – Via delle Scuole, 12 – obbligo di preavviso e di Credenziale – referente Don Paul – tel. +39018369305 cell. +393428672773 paulkerner@gmail.com – 3 posti – essere muniti di sacco a pelo – servizi e doccia – donativo.
Imperia Oneglia: Chiesa Sacra Famiglia (R) – Via sacra Famiglia – obbligo di preavviso e di Credenziale – referente Don Paolo – cell.. +393474272288 – 3 posti – essere muniti di sacco a pelo – servizi, doccia – donativo. 
Diano Calderina: Chiesa di S. Giacomo (R) – obbligo di preavviso e di Credenziale – referente Don Luca – tel. +393332330291- 8 posti – essere muniti di sacco a pelo – servizi e doccia – uso cucina – donativo.
Andora: Parrocchia San Giovanni Battista (R) – Via dei Piehler, 10 – obbligo di preavviso e di Credenziale – referente Don Taddeo tel. +39018285278 cell.+393403103615 – 3 posti letto – essere muniti di dormiben e sacco a pelo – servizi e doccia – uso cucina – nelle vicinanze un supermercato – donativo 10 €.
Andora a 2 km dal percorso: Chiesa Cuore Immacolato di Maria (F.P.) (R) – Via Dei Mille, 11 – obbligo di preavviso e di Credenziale – referente il parroco – tel. +39018285409 – essere muniti di sacco a pelo – servizi e doccia – uso cucina – donativo.

Distanze e punti di riferimento:

Torazza- Caramagna                                         km   2,250
Caramagna- Santuario Montegrazie                   km   3,400
Santuario Montegrazie- Az. Vinicola                   km   3,900
Az.Vinicola-Fontana Rosa                                  km    0,300
Fontana Rosa- San Giacomo Barcheto              km   1,200
San Giacomo Barcheto- Sacra Famiglia             km   1,400
Sacra Famiglia-San Luca                                    km   1,000
San Luca-  Diano Gorleri                                     km   1,900
Diano Gorleri- Diano Serreta                               km   1,150
Diano Serreta- Diano Calderina San Giacomo   km    1,200
D.Calderina S.Giacomo-Sant. della Rovere       km    3,600
Sant.della Rovere-S.Giovanni Cervo                   km   2,200
San Giovanni Cervo- antenne Parco del Ciapà   km   3.000
Antenne Parco del Ciapà-Passo Chiappa           km   2,200
Passo Chiappa-San Giovanni Andora                 km   1,800
                                                                Totale km  30,500

Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi o proposte di miglioramento dell’itinerario scrivendo a  calsilvdc@gmail.com Grazie per il vostro aiuto.

Le 12 tappe proposte e descritte sono state percorse negli anni dagli autori che declinano ogni responsabilità circa eventuali cambiamenti sul territorio che possono alterare quanto è stato descritto.

 

 

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese Spagnolo Francese

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento, per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi