Benvenuti nel primo sito dedicato alla VIA DELLA COSTA: da Santiago di Compostela a Roma sulle strade della Liguria. 360km a piedi in 12 tappe

” In cerca di sè: un cammino, la Croce per l’Infinito ”

Dopo cinque anni di ricerche e verifiche sul territorio, siamo veramente giunti a concludere il sogno di realizzare un percorso che unisse le due grandi mete di pellegrinaggio, Santiago di Compostela e Roma, percorrendo a piedi nelle giornate libere il tratto Ponte S. Ludovico – Sarzana cercando dove possibile, essendo la nostra Liguria ad alta densità edificata e dunque ad alta copertura di asfalto, sentieri e vie di comunicazione alternative alla Via Aurelia poco distanti dalla costa.Si sono riscoperti antichi tratti di via Romana ora asfaltati ora acciottolati, sentieri medioevali, crose tra modernità dei palazzi, percorsi nel verde che hanno offerto l’opportunità di riscoprire e vivere una terra che può dare ancora grandi emozioni per i suoi paesaggi e lo charme dei suoi borghi antichi cogliendo lo spirito profondo di questa terra nelle luci, nei profumi, nell’arte e nell’opera dei nostri antenati, tutti elementi propedeutici alla finalità del peregrinare. A questa meta non siamo giunti soli, e per questo ricordiamo con gratitudine Franca Remotti di San Remo, gli amici Rita e Italo Graziano, Alain Le Stir, Paolo Pometto, Guido Piccon, Giorgio Giacobbe, Matteo Tomatis, Claudia Barbieri, Gianni Odasso, Vito Clarizio, Paolo Revelli, Anna Bonavera, Francesco Rocchi  per l’aiuto e l’ incoraggiamento, Sandro Abbo per la ricerca storica, la Confraternita di San Giacomo di Perugia per la spinta iniziale, la Provincia di Imperia che con la dottoressa Sonia Zanella ha acquisito e segnato il tratto imperiese, tutti i punti di accoglienza per la collaborazione e per aver creduto in questo progetto.  La nostra speranza è che questa iniziativa stimoli la sensibilità delle autorità liguri a seguire l’esempio della provincia d’Imperia completando la segnatura del percorso in tutta la regione.
Anna Rocchi e Silvio Calcagno

contatti: salveas@libero.it        calsilvdc@gmail.com

Riflessioni di un sacerdote
Ho tra le mani le credenziali di un pellegrino e penso che tutto questo, ha avuto inizioanni or sono,ancora prima che questa Parrocchia scegliesse “ufficialmente” di ospitare i pellegrini in cammino verso Roma, Santiago di Compostela o lungo la Via della Costa. Era una sera di alcuni anni fa, quando un pellegrino chiese e ottenne ospitalità: dormìsul pavimento del salone parrocchiale. Da allora sono cambiate molte cose, migliorate sicuramente: ora tutto è gestito con maggiore “professionalità”, c’è una stanza accogliente e una doccia. Non è cambiato, però, lo spirito, quello spirito che dovrebbe animare ogni cristiano, ogni prete: “Avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere… Ero forestiero e mi avete ospitato…” (Vangelo di Matteo,capitolo 25) Un grazie particolare a Silvio e Anna che da sempre hanno a cuore questa iniziativa,come tanti altri, cercano se stessi in cammino, verso l’infinito.
Don Paolo Parroco Sacra Famiglia, Imperia

Buon cammino, ultreya, suseya

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese